Legal Marketing

«Dietro ogni questione giuridica, c’è sempre una persona con desideri, bisogni e pulsioni. Cercate di toccare l’emotività di quella persona, senza restare sul problema che ha.»

Lo sappiamo: il content marketing degli Studi Legali è particolarmente difficile e i motivi sono davvero tanti. In primis, perché spesso i professionisti credono di poter fare a meno del marketing e della comunicazione ma soprattutto perché il mercato dei servizi legali è gigantesco, essendo totalmente liberalizzato e senza un numero “limite” di avvocati iscritti all’Ordine. Se prima i clienti sceglievano lo Studio Legale di riferimento per passaparola, oggi il legale viene scelto in base a molte più variabili (vicinanza territoriale, fiducia nel tempo, reputazione su internet etc.).

A rendere tutto più difficile, oltre alla crescente concorrenza in questo mercato, anche il tempo – che è tiranno per tutti noi: fare content marketing richiede risorse di tempo, risorse umane, una continua ricerca di contenuti, trend di mercato, aggiornamento delle proprie attività. Per questo esistono agenzie e professionisti in grado di coprire quest’attività e far conoscere lo Studio al pubblico (e potenziali clienti).

Se volete alcuni suggerimenti o tips per capire quanto questa attività sia complessa, vi diamo un paio di spunti utili per la vostra attività di content marketing.

Scegliete il contenuto che più interessa al pubblico (non a voi)

Sui social, ma anche sul blog del vostro sito web, scegliete dei contenuti che siano in linea con gli interessi di chi vi legge: per via del vostro lavoro, esistono sempre news e novità normative (in Italia abbiamo un Legislatore piuttosto prolifico), notizie che a persone fisiche e giuridiche interessano parecchio perché hanno spesso un impatto molto forte sulle loro vite e sul loro lavoro.

Per scegliere il contenuto, quindi, guardate spesso le fonti (Gazzetta Ufficiale, tanto per dirne una, o riviste e giornali di settore) ma anche ciò che pubblicano i colleghi, i vostri competitor, personalità in vista del settore etc. Insomma: provate a capire i trend e la stagionalità delle notizie.

Date sempre un vostro commento personale

Chi vi legge cerca di capire quanto siete esperti della materia e come la pensate (tecnicamente) su determinati temi. Dunque, non limitatevi a riportare le notizie ma commentatele, date un vostro giudizio personale (“questa misura è ottima per alcune categorie di imprese perché…”, “la sentenza è un overrulling rispetto al passato perché…”). Un possibile cliente capirà dal vostro commento quanto siete esperti, quanto avete approfondito la materia, quanto conoscete il settore (e gli interessi da difendere).

Fuggite dal legalese

Il vostro compito, in quanto tecnici, è di spiegare in modo semplice materie complesse.

Dall’Avvocato il cliente desidera avere delle risposte chiare, un’assistenza per districarsi in un mondo assai difficile da comprendere, per chi ne è estraneo. Se adottate un linguaggio troppo complicato, chi vi legge perderà interesse in ciò che avete scritto.

Attenzione, però: siete pur sempre dei tecnici esperti, non scadete mai in termini eccessivi o divertenti. Dovete sempre mantenere un certo standing dato dall’esercizio della vostra professione (e dalle norme del Codice Deontologico).

Canale che vai, linguaggio che trovi

Scegliete sempre molto bene il tipo di linguaggio in base al canale che utilizzate. Se su Linkedin, per esempio, potete lasciarvi andare a testi più lunghi e argomentati, su Instagram invece dovete restare molto basilari nella comunicazione, con frasi brevi e concise.

Capite il cliente

Dietro ogni questione giuridica, c’è sempre una persona con desideri, bisogni e pulsioni. Cercate di toccare l’emotività di quella persona, senza restare sul problema che ha. Una sentenza, ad esempio, non si limita a esprimere un giudizio che resta nell’aria ma tocca la vita delle persone – in primis, delle parti in causa, ma anche di altri che in futuro incorreranno nella stessa fattispecie: provate a capire come quella pronuncia impatterà sulla vita delle persone.

Ve l’avevamo detto, è tutto molto complesso da gestire. E pensate che non abbiamo neppure iniziato a parlare di sito web, blog e articoli, calendario editoriale, piano editoriale, creazione di contenuti audio, video, grafiche e format, di strategia multicanale e chi più ne ha, più ne metta.

Questo è il lavoro d’agenzia: trovare la chiave giusta per interpretare i bisogni del target del cliente. Esattamente come per gli Avvocati, i professionisti della comunicazione hanno il compito di rendere più semplici questioni complesse. Ecco perché, per affermare la propria reputazione e le proprie competenze in un mercato sempre più saturo, la comunicazione digitale è fondamentale anche per i professionisti. Ma se non avete risorse interne in grado di occuparsi di questa materia, affidarsi ai professionisti della comunicazione è sempre un’ottima strategia.

Il solo fatto che siate arrivati fin qui a leggere significa che la cosa vi interessa o vi incuriosisce, perché non provare ad avere qualche info in più? Vai alla pagina Contatti

Condividi l'articolo_

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Continua a leggere_

CHE FIGURA DI MEDIA

Marketing, shitstorm e quell’influencer bionda che non possiamo nominare Qualunque crisi voi stiate vivendo in questo momento della vostra vita – amorosa come quella descritta

LA GRANDE STORIA D’AMORE DEL 2023

Creativi, Intelligenza Artificiale e un anno di lavoro con ChatGPT Fra la fine del 2022 e l’inizio del 2023 ci siamo innamorati – ancora –

IT / EN